novità e eventi

 

Fattore antinutrizionale: come eliminarlo dai legumi?

 
17/05/2022

blog

 

Perché i legumi sono considerati alimenti altamente energetici? Perché sono costituiti per il 50% da amido, un importante carboidrato. Tuttavia, nonostante l’elevato valore nutrizionale tipico dei legumi, questi sono conosciuti anche perché contengono fattori antinutrizionali: gli antitriptici. La presenza di questi ultimi riduce la biodisponibilità di vari componenti, abbassando quindi il livello di digeribilità delle proteine e l’assorbimento dei minerali naturalmente presenti nei legumi. 

Come eliminare questi fattori antinutrizionali dai legumi appena raccolti? Esistono diversi metodi, quali la cottura, la tostatura o l’estrusione. Tutti questi portano i chicchi a temperature sufficientemente elevate per trasformare i fattori antinutrizionali e abbatterne l’efficacia. 

La fase di tostatura dei cereali - successiva a quella di essiccazione - è il processo che consente di neutralizzare definitivamente questi elementi. Se grazie all’essiccazione ogni agricoltore ha la possibilità di mettere in sicurezza il raccolto, con la tostatura si migliora la qualità dei cereali, aumentandone il grado di appetibilità e gusto.

Per conoscere nel dettaglio come funzionano gli essiccatoi e le tostatrici Mecmar, nonché scoprire come questi impianti consentono di eliminare i fattori antinutrizionali dai legumi, prosegui nella lettura!

Argina il problema delle aflatossine con le soluzioni Mecmar

Le aflatossine sono una delle categorie di micotossine più pericolose per il tuo bestiame. Se ingerite mediante mangime possono compromettere la salute degli animali e la qualità dei prodotti alimentari che da questi derivano. Ecco quindi che, per evitare ciò, è fondamentale procedere all’essiccazione e conservazione dei cereali subito dopo la loro raccolta. 

Durante il processo di essiccazione, dalla granella viene espulso l’eccesso di acqua che impregna i chicchi. Una volta conclusa questa fase, i cereali usciranno dall’essiccatoio mobile o a torre asciutti e puliti, con un grado di umidità non superiore al 13-15%, garantendo quindi la massima sicurezza in fase di stoccaggio.

Se grazie al lento processo di essiccazione si eliminano dai cereali le tossine (elementi cancerogeni), impedendo quindi la contaminazione dei chicchi, è poi possibile, finalmente, passare alla fase di tostatura. È grazie a questa che la granella viene riscaldata fino a raggiungere una temperatura pari a 110 °C. Si ottiene così un cereale dalla consistenza più croccante, dunque, maggiormente apprezzato sia dall’uomo che dagli animali.

Lo sapevi che con la gamma di tostatrici elettriche Mecmar puoi tostare e raffreddare la granella all’interno dello stesso impianto? il prodotto in uscita risulta essere tostato (i fattori antinutrizionali sono eliminati del tutto) e già raffreddato a una temperatura fissata a 20°C, pronto per lo stoccaggio o lavorazioni successive.

Un pasto genuino per il tuo allevamento: elimina il fattore antinutrizionale dalla soia

L’elevato valore nutritivo della soia - dovuto alla presenza di olii e proteine derivate - rende questo seme particolarmente prezioso. Per trattare efficacemente la soia subito dopo la sua raccolta, essa viene liberata da tutti quei fattori antinutrizionali che possono comprometterne la qualità.

Un esempio di fattore antinutrizionale contenuto all’interno della soia è l’enzima ureasi. Come rimuoverlo efficacemente? Grazie alla tostatura! Mediante tale processo i componenti antinutrizionali vengono ridotti, mentre i migliori fattori nutritivi e grassi sono mantenuti a livelli stabili. 

Le tostatrici Mecmar consentono inoltre di mantenere integro il seme delle soia. In questo modo, sarà necessaria una minore quantità di soia per ottenere le stesse calorie nella dieta dell’animale da nutrire. 

Quale modello di tostatrice scegliere per rimuovere il fattore antinutrizionale dai tuoi cereali?

Tutte le tostatrici Mecmar assicurano un trattamento uniforme su ogni tipo di cereale. Rapidità e sicurezza sono due tratti distintivi che caratterizzano gli impianti Mecmar dedicati alla tostatura della granella. Ma nello specifico quale percorso segue il cereale all’interno dell’impianto?

I chicchi entrano nella tostatrice ancora a temperatura ambiente (all’incirca 20°C) per poi incontrare un flusso d’aria calda, la quale, riscaldando i cereali, permette di ottenere una tostatura perfettamente omogenea, senza il rischio di rovinare la granella trattata.

A seconda della tipologia di animali (bovini, suini, pollame), della taglia e del numero da nutrire Mecmar ha la tostatrice adatta a te: sono 5 i modelli di tostatrici tra cui puoi scegliere. Le versioni T5 e T10 sono indicate per allevamenti di piccole - medie dimensioni, mentre i modelli T20, T50 e T100 sono la soluzione ideale per aziende medio – grandi, poiché arrivano a tostare anche 6 tonnellate di prodotto all’ora.

Tostatrice a gasolio o tostatrice elettrica per cereali? Quale conviene scegliere? Ne parliamo all’interno del nostro articolo dedicato alla tostatrice elettrica per cereali Mecmar.

Scegliere le macchine Mecmar con l’obiettivo di eliminare dai cereali i fattori antinutrizionali più dannosi significa affidarsi a soluzioni per la tostatura tra le più innovative. La massima efficienza di queste tostatrici è garantita dal loro design compatto e dal fatto che l’impianto è montato su un telaio mobile, il quale consente di posizionare la macchina con facilità a seconda delle necessità.

In conclusione

All’interno di questo articolo abbiamo visto i principali aspetti che caratterizzano gli essiccatoi e, soprattutto, le tostatrici Mecmar. Sono proprio queste ultime a rappresentare la soluzione che ti consentirà di rimuovere i fattori antinutrizionali presenti nei legumi dopo la fase di raccolta ed essiccazione. Sebbene sia questa la ragione principale che spinge un sempre maggior numero di allevatori a scegliere gli impianti Mecmar, non è il solo motivo per cui è importante procedere alla tostatura dei cereali:

  • mantiene elevato il valore nutrizionale dei cereali;
  • rende gli alimenti a base cerealicola più appetitosi e invitanti;
  • si aumenta di circa il 10% il livello di proteine bypass, indispensabili nella dieta dei ruminanti se si desidera contenere il deficit energetico e proteico di un allevamento.

Non sei ancora sicuro su quale soluzione Mecmar faccia più al caso tuo? Ti invitiamo a contattarci per scoprirlo. Il nostro team sarà felice di risponde a tutte le tue domande e curiosità.


Ti potrebbero interessare anche...

Lavorazione grano: come metterlo in sicurezza dopo il raccolto? leggi
Lavorazione cereali: come essiccare al meglio i grani antichi e i chicchi speciali? leggi
Tostatrice semi: quali caratteristiche deve avere? leggi
Stoccaggio dei cereali ottimale? Scopri come con gli essiccatoi Mecmar leggi